sabato 25 febbraio 2012

La psicologia del numero


Trascorriamo le nostre vite consumandoci in ansie periodiche che raggiungono i loro massimi in prossimità del passaggio al simbolo successivo della cifra delle decine della nostra età.

Ho vent'anni e ancora non ho una ragazza! I miei coetanei ce l'hanno tutti!
Ho trent'anni e sono ancora precario! Mio padre alla mia età aveva lavoro, moglie e figli!
Ho quarant'anni, sto invecchiando e non ho ancora visto una puntata dell'ispettore Derrick!

Per poi raggiungere solitamente un minimo in cui si passa dal rimpianto del decennio precedente alla presa di coscienza che ogni decennio sarà rimpianto successivamente e tanto vale quindi godersi i vantaggi di quello in atto.

Ma allora, quando l'evoluzione avrà prodotto la scomparsa dei mignoli del nativo digitale in quanto inutili nella gestione delle tavolette, si passerà dal rimpianto del decennio precedente a quello dell'ottennio precedente?

Nessun commento:

Posta un commento